Assorto in sé

alt…nella sua essenza impersonale e infinita:

Quando questa è turbata e si disperde negli oggetti molteplici, si chiama mente;
quando è persuasa d’una sua intuizione, si chiama intelligenza; quando stoltamente si identifica con una persona, si chiama io; quando invece di indagare in modo coerente, si frammenta in una miriade di pensieri vaganti, si chiama coscienza individuale.
Quando il movimento della coscienza, trascurando l’agente, si protende verso il frutto dell’azione, si chiama fatalità (karma); quando si attiene all’idea “l’ho già visto prima” in rapporto a qualcosa di visto o di non visto, si chiama memoria.
Quando gli effetti di cose godute in passato persistono nel campo dela coscienza anche se non si vedono, si chiama latenza inconscia.
Quando è consapevole che la molteplicità è illusoria, si chiama sapienza.
Quando, in direzione opposta, si oblia nelle fantasie, si chiama mente impura.
Quando si intrattiene nell’io con le sensazioni, si chiama sensibilità.
Quando resta non manifestata entro l’essere cosmico, si chiama natura.
Quando crea confusioni tra realtà e apparenza, si chiama illusione (maya).
Quando si discioglie nell’infinito, si chiama liberazione.
Pensa: “sono legato” e c’é l’asservimento; pensa: “sono libero” e c’é la libertà.

(testo: “Yogavasistharamayana“, Vasistha nel dialogo con Brahma – art: “Theologue“, Alex Grey)

Leave a Reply